Operatori di Google

Gli operatori di ricerca Google sono comandi speciali che possono essere utilizzati per affinare e specificare le ricerche su Google, rendendo più efficace la scoperta di informazioni precise e rilevanti.

Questi strumenti si rivelano fondamentali per chi lavora nel campo della SEO (e sa come usarli), in quanto permettono di effettuare ricerche avanzate, analizzare i competitor, e scoprire parole chiave e opportunità di mercato inaspettate.

Gli operatori di Google da usare per migliorare la SEO

Ecco alcuni degli operatori più utili per migliorare le tue strategie SEO:

  • le virgolette
  • site:
  • intitle:
  • inurl:
  • intext:
  • filetype:
  • related:
  • cache:

Le virgolette

Utilizzare le virgolette, sia in una semplice ricerca di Google che in accoppiata con gli operatori che andremo a vedere, ci permette di avere un risultato preciso rispetto alla parola chiave inserita.

Quindi (come vedremo dopo) se scriverò migliori cellulari otterrò anche articoli che hanno nel titolo la parola smartphone. Mentre se scriverò "migliori cellulari" otterò solo titoli esattamente con quelle parole.

Operatore “site:”

L’operatore site: è utilizzato per limitare la ricerca a un dominio specifico o a un particolare sito web. Per esempio, site:prismaseo.it restituirà risultati esclusivamente da quel dominio.

L'operatore site ritorna tutte le pagine di un sito
Risultati dell’operatore site

Uso nella SEO e utilità

Questo operatore è ideale per monitorare l’indicizzazione delle pagine del proprio sito su Google. Se ho scritto 300 articoli e vedo che ho solo 30 risultati, evidentemente c’è un problema.

È anche utile per esaminare la presenza online dei competitor, analizzando quali pagine sono indicizzate da Google.

Inoltre, ma qua si scade nelle leggende metropolitane, si dice che l’ordine con cui gli elenchi sia l’ordine di importanza delle varie pagine.

Abbiamo anche visto che questo modo può servire per controllare quale impatto abbia avuto sull’indicizzazione una penalizzazione di Google.

Operatore “intitle:”

L’operatore intitle: trova pagine con parole chiave specifiche nel titolo. Ad esempio, intitle:seo mostrerà pagine che hanno la parola “seo” nel titolo.

Uso nella SEO e utilità

È perfetto per identificare come i competitor utilizzano certe parole chiave nei loro titoli, una componente cruciale nell’ottimizzazione on-page per la SEO.

E’ anche fondamentale per trovare eventuali articoli “i migliori” oppure “come fare per”, nel caso abbiamo un sito di affiliazioni e vogliamo farci un’idea dei vari titoli e prodotti presenti.

Possiamo cercare titoli precisi con questo operatore di google
Risultati con l’operator di Google

Qui sopra puoi vedere che nonostante io abbia messo la parola cellulare, lui mi ha fatto apparire il termine smartphone. Se voglio una corrispondenza perfetta dovrò mettere il termine tra apici.

Operatore “inurl:”

inurl: è utilizzato per trovare URL che contengono una parola chiave specifica. Ad esempio, inurl:marketing filtrerà pagine che hanno “marketing” nell’URL.

Uso nella SEO e utilità

Questo operatore aiuta a capire come le parole chiave sono usate nelle URL, una pratica importante per la SEO, e a identificare pagine specifiche di competitor o settori di mercato.

Operatore “intext:”

intext: trova pagine che contengono il testo specificato. Per esempio, intext:analisi competitiva mostrerà pagine che includono questa frase.

Uso nella SEO e utilità

Ideale per scoprire come e dove i competitor usano determinate parole chiave nel loro contenuto, un aspetto fondamentale nell’ottimizzazione dei contenuti per la SEO.

Viene anche usato dai “cattivi” per trovare pagine dove possono lasciare commenti e quindi spammare i loro link.

Come puoi vedere qui sotto, usando in accoppiata intitle e intext, possiamo trovare tutti gli articoli che parlano di crypto e ci permettono di lasciare un commento.

Io ho usato intitle:crypto intext:"leave a reply".

puoi cercare testi all'interno di articoli per fare le tue ricerche seo
L’immaginazione è il limite

Operatore “filetype:”

Descrizione: Con filetype:, si possono cercare file di un tipo specifico, come PDF o PPT. Ad esempio, filetype:pdf report seo troverà report SEO in formato PDF.

Uso nella SEO e utilità

Questo operatore è utile per trovare materiali educativi o report specifici del settore, che possono essere analizzati per migliorare le proprie strategie SEO.

Può anche essere utilizzato per cercare sitemap dei competitor, ricercando come tipo di file xml.

Operatore “related:”

related: dovrebbe trovare siti web simili a uno specifico. Ad esempio, related:diventeromilionario.it (che è il mio blog da 50.000 visite al mese) mostrerà siti simili a diventeromilionario.it.

Uso nella SEO e utilità

Perfetto per identificare i competitor e per analizzare strategie di settori simili, ampliando la comprensione del proprio mercato.

In realtà il suo funzionamento è un po’ grezzo. Come vedi qui sotto infatti mi riporta il mio sito, altri siti che poco c’entrano e la versione inglese del sito.

Posso usare related per visualizzare siti simili al mio
Non funziona proprio benissimo

Quindi abbastanza inutile se non abbinato ad una ricerca manuale.

Operatore “cache:”

cache: mostra la versione in cache di un sito web. Digitando cache:apple.com, si può visualizzare l’ultima versione del sito salvata da Google.

Uso nella SEO e utilità

Questo può sembrare inutile, invece è potentissimo. Difatti ci permette di vedere quando Google ha indicizzato l’ultima volta una pagina web, offrendo spunti sulla frequenza di indicizzazione e sulla visibilità recente di una pagina.

Come gli operatori di Google migliorano la SEO

Abbiamo visto che gli operatori di Google permettono di effettuare ricerche mirate e specifiche, fondamentali per scoprire nuove parole chiave, analizzare i competitor, e ottimizzare i contenuti.

L’uso di operatori come site:, intitle:, e inurl: facilita l’identificazione di come i concorrenti utilizzano le parole chiave e strutturano i loro siti, offrendo preziose informazioni per affinare le proprie strategie di contenuto e di backlink.

Inoltre, aiutano a comprendere meglio come Google vede e indicizza un sito, fornendo dati cruciali per ottimizzazioni tecniche. In sintesi, l’uso strategico degli operatori di ricerca arricchisce l’analisi SEO, guidando decisioni più informate e risultati più efficaci.

Concludendo

Gli operatori di ricerca Google sono potenti alleati nella SEO perché hanno il potere di trasformare semplici ricerche in analisi profonde, vitali per l’ottimizzazione della tua strategia.

L’uso di questi operatori può portare a un significativo miglioramento nel posizionamento su Google, consentendo di scoprire nuove opportunità, analizzare efficacemente i competitor e ottimizzare i contenuti.

Spero che questo articolo vi abbia fornito una chiara comprensione di come utilizzare gli operatori di Google per potenziare le strategie SEO!

Se ti è piaciuto questo articolo o hai ancora dubbi, non esitare a scrivere nei commenti o via mail a info@prismaseo.it.

Se hai necessità ulteriori, puoi usare la form di contatto qui sotto e ti risponderò quanto prima!


Nessun commento per ora. Puoi essere il primo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *